mercoledì 28 novembre 2012

Cena made in U.S.A., con pasta e formaggio

No, non sono impazzita: un piatto a base di pasta e formaggio non solo è amatissimo negli Stati Uniti, ma è anche al centro di discussioni estremamente animate, alla faccia di chi pensa che dagli U.S.A. possano arrivare soltanto hot dog e hamburger.

"Macaroni and cheese", dopo secoli di permanenza sul suolo a stelle e strisce, viene considerato un vero e proprio piatto della tradizione culinaria statunitense, tanto da essersi meritato persino una "giornata nazionale": il 14 luglio, infatti, si celebra il "National Macaroni and Cheese Day" (anche se, personalmente, la vedrei bene il Thanksgiving Day, il Giorno del Ringraziamento, che così si grazierebbero tanti poveri tacchini…); la pietanza ha inoltre conquistato il nomignolo di "mac and cheese" non soltanto negli USA, ma anche in Canada e Australia, mentre nell'area caraibica si parla di "macaroni pie". Come se non bastassero le varianti linguistiche, attorno a questo piatto si scatenano polemiche squisitamente culinarie: c'è ad esempio chi accetta una salsa simile alla besciamella e chi invece sostiene che la vera ricetta prevede soltanto l'utilizzo di panna e formaggio, chi sostiene la validità di una croccante crosticina di pangrattato e chi, purista, storce il naso persino se il formaggio utilizzato non è cheddar e così via.

Se vi state domandando a che titolo gli americani possano affermare che un piatto a base di maccheroni sia parte integrante della propria tradizione è presto detto: i maccheroni o macaroni sono menzionati in diverse fonti medievali di origine italiana ed alcune ricette di "makerouns" si ritrovano già in libri di cucina inglese del quattordicesimo secolo quindi, quando i coloni lasciarono la Gran Bretagna alla volta del Nuovo Mondo, portarono con loro anche ricette che ricordassero la madrepatria e tra queste ricette non poteva certo mancare quella dei "macaroni and cheese".
Dal momento che gli statunitensi, come sempre convinti sostenitori del "fast and furious", sono riusciti ad inventare nientemeno che una crema di formaggio pronta all'uso da versare sul piatto, sono certa che non me ne vorranno se io, priva di maccheroni in dispensa, ho osato sostituire la pasta con delle mezzepenne rigate.

E veniamo adesso alla ricetta, rivista e adattata dalla sottoscritta in base a quanto stazionava nel frigorifero e in dispensa.

In un pentolino ho fatto fondere circa 20 grammi di burro ed ho poi versato un paio di bicchieri di latte; quando iniziava a bollire ho tolto dal fuoco, aggiunto una confezione di panna da cucina, un pochino di pepe nero e circa un etto di Gruyère (che non è cheddar ma viene accettato persino dalle più blasonate riviste di cucina a stelle e strisce).

Ho fatto cuocere le mezzepenne in una pentola d'acqua salata, scolandole un paio di minuti prima del dovuto, e le ho versate nel pentolino con il formaggio fuso. Poi ho trasferito il tutto nelle pirofiline monoporzione, ho cosparso la superficie con un po' di pecorino grattugiato e infornato a 180° fino a quando non si è formata un'invitantissima pellicola dorata sulla superficie (che nelle foto non compare, perchè le ho scattate prima di infornare; dopo avevamo soltanto voglia di avventarci sui piatti, altro che far fotografie!).

6 commenti:

  1. Da leccarsi i baffi solo leggendo! Tra parentesi (giusto perché a volte sono un precisino) non c'è motivo per non considerarla una ricetta USA: la pasta non è solo italiana, solo italiane sono le ricette di pasta della tradizione italiana.

    RispondiElimina
  2. Ciao Viviana! Mi attira molto questa ricetta, anche solo per curiosità: quando vedo nei film americani che mettono in tavola "maccheroni al formaggio" come fossero la cosa più buona del mondo, mi sono sempre chiesta come fossero! La proverò appena possibile :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao! ^_^

    Sono una nuova follower... complimenti per il blog, è molto bello! ^_^

    Che buoni i mac and cheese, ho preparato anch'io questo piatto tempo fa! ^_^

    Ti auguro una buona giornata,
    BB ^.^

    ilmondodibb.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Guarda, come forse sai io ho vissuto in GB e queste cose giravano lì. Siccome io sono una specie di fogna assaggiavo tutto e il macaroni cheese lo trovavo squisito, come pure le Jacket potatoes. Mi segnerò la tua ricetta!

    RispondiElimina
  5. Risposta collettiva con MOSTRUOSO ritardo (del quale mi scuso).
    @ Davide: hai ragione, ma credo che pensare che la pasta sia patrimonio culinario quasi esclusivamente italiano sia un errore piuttosto comune.
    @ Silvia, spero tu abbia provato la ricetta perchè davvero merita. Ed è inusuale per noi italiani, giustamente affezionati alle preparazioni della nostra tradizione mediterranea.
    @ BB, mille grazie e a presto!
    @ Chiara, tra "fogne" ci si capisce! Anch'io amo assaggiare i piatti tradizionali dei luoghi in cui mi reco, senza troppi preconcetti: così facendo si incappa in tante porcherie, ma si riescono a scovare anche pietanze davvero buone.
    @ Anonimo, you're welcome!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...