mercoledì 21 novembre 2012

Ravioli di zucca e crema multitasking

Io adoro la zucca. Mi piace già solo per quel suo colore, così caldo e vivo, capace di rallegrare anche le più grigie giornate autunnali, ma poi sono il suo gusto, le sue proprietà benefiche e la sua versatilità a conquistarmi completamente. 

Ricco di betacarotene, questo "cicciottoso" ortaggio è un potente antiossidante e, secondo uno studio effettuato nel 2007 nell'Università del Massachussets, avrebbe persino proprietà antitumorali; calcio, sodio, potassio, zinco, manganese, fosforo, rame, magnesio, selenio e ferro sono i minerali concentrati nella zucca che, come se non bastasse, vanta anche una buona gamma di vitamine e di aminoacidi, tra i quali meritano menzione l'arginina e il triptofano, oltre ad un'importante presenza di fibre: un mix che ne fa un autentico "ortaggio della salute", fantastico per contrastare in modo naturale quanto efficace i malanni dell'autunno. Anche se è difficile pensare che le popolazioni antiche fossero a conoscenza della composizione chimica della zucca, certo è che da millenni l'essere umano beneficia di questo prodotto della terra: in Centro America sono stati rinvenuti semi di zucca risalenti al 6.000 avanti Cristo!
Arrivata in Europa soltanto nel XVI secolo, la zucca venne inizialmente snobbata: la relativa facilità di coltivazione, infatti, la fece diventare un diffusissimo mangime per animali. 
Ma adesso bando a chimica e storia e veniamo alla ricetta!

La crema multitasking di cui parlo nel titolo altro non è che il ripieno dei ravioli, ma, come vedrete, si presta davvero ad un sacco di impieghi in cucina. E tutti squisiti!

Una volta che vi siete procurati la vostra bella zucca - io ho usato una bella "napoletana" - la ripulite ben bene, la private della buccia e dei semi (che potete anche tostare, se vi va, creandovi così uno spuntino sano, ricco di storia e decisamente low cost), tagliate la polpa a cubotti e la mettete a bollire in un po' d'acqua. Come sapete, io non uso il sale in genere, ma in questo caso l'acqua di bollitura non va assolutamente salata e presto capirete il perchè.

Quando la polpa si è ben ammorbidita, la si schiaccia nell'acqua di cottura fino ad ottenere una purea e si aggiunge la ricotta fresca, dopo aver spento il fuoco, amalgamando ben bene il tutto con una frusta.


Nel frattempo, con uova e farina ho preparato la pasta per i miei ravioli (non serve che vi dia la ricetta, vero? E' quella classicissima, che inizia con la farina a fontana e le uova a temperatura ambiente aggiunte una alla volta… Anche in questo caso, io non ho aggiunto sale). 

Una volta raffreddatasi la crema, la si dispone sopra ciascuna base di raviolo e si richiude il nostro fagottino, avendo cura di controllare che i bordi siano ben saldati tra loro ed evitando così che, quando cuoceremo i ravioli, tutto il ripieno finisca in acqua!






Pronti i ravioli, non rimane altro da fare che decidere come prepararli. Già, perchè non l'ha mica stabilito nessuno che si debbano cucinare per forza di cose con il classicissimo sughetto burro e salvia! 

Io, ad esempio, ne ho preparati una parte così, come primo piatto vegetariano, salando l'acqua di cottura, condendoli con il "puccino" di burro e salvia ed aggiungendo alla fine una buona macinatina di pepe nero. Ma un'altra parte me la sono conservata e qualche giorno dopo ho cotto i miei ravioli di zucca in acqua senza sale cospargendoli, una volta tolti dall'acqua, alcuni con il miele d'acacia ed altri con una colata di cioccolato fuso. Un dessert inusuale e squisito!
La crema di zucca multitasking, poi, puo' venir conservata in freezer, può trasformarsi - con una presa di sale ed una di pepe - in un sughetto con cui condire la pasta o preparare un risotto oppure può diventare - arricchita di gocce di cioccolato - una strepitosa farcia per crostata… E poi venitemi a chiedere perchè adoro la zucca!...

4 commenti:

  1. Mmh... vien l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  2. Viviana non avevo mai pensato ai ravioli di zucca dolci!!! che bontà! davvero versatile questo ortaggio!

    RispondiElimina
  3. Bravaaa!
    Non ho ancora trovato una zucca che mi sconfinferi quest'anno, appena capita provo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...