venerdì 10 luglio 2015

Il metodo antistronzi, manuale di sopravvivenza sul posto di lavoro

Non importa che voi lavoriate in una multinazionale o in una minuscola ditta a conduzione famigliare, non fa differenza neppure quale sia la vostra mansione sul posto di lavoro: avete il 100% di probabilità di lavorare con uno stronzo. Probabilmente esistono dozzine di eufemismi ed educati giri di parole per definire persone di questo genere, ma, come asserisce lo stesso autore, "Quando incontro una persona cattiva, la prima cosa che penso è: “Mamma mia, che stronzo!“. [...] Ci sono tanti modi per chiamarli: prepotenti, maleducati, cafoni, bastardi, aguzzini, tiranni, maniaci oppressivi, despoti, egomaniaci... ma, almeno per quanto mi riguarda, stronzo è la parola che meglio di qualunque altra esprime la paura e il disprezzo che provo per questi personaggi".

E temerli è giusto e logico perchè, come insegna lo stesso Sutton, lo stronzo non è soltanto una persona irritante, capace di guastare l'armonia di un ufficio o persino di un intero reparto, ma è un individuo pericoloso perchè provoca danni enormi non soltanto alle proprie vittime - conseguenza logica - ma anche alla performance aziendale, a tutti coloro che ne subiscono di riflesso gli effetti nefasti e, alla fine, anche a se stesso. Ma allora, perchè ci sono così tanti stronzi in giro? Principalmente per tre motivazioni: 
1) perchè si tende a circondarsi di chi ci somiglia e, quindi, un capo stronzo assumerà stronzi;
2) perchè nella maggior parte delle aziende, grandi o piccole che siano, gli stronzi sono tollerati dai superiori (che spesso compiacciono) e temuti dai sottoposti;
3) perchè ciascuno di noi cela un potenziale stronzo dentro di sè. E la bestia può prendere il sopravvento.

Questo libro affronta, in modo rigoroso e scientifico (l'autore è docente di Scienza del Management all'Università di Stanford),  ma con la giusta dose di ironia, il "problema stronzi", ne ricerca le cause e delinea le possibili soluzioni. Un manuale di sopravvivenza prezioso nella jungla del lavoro.

Titolo: Il metodo antistronzi (The No Asshole Rule)
Autore: Robert I. Sutton
Traduttore: Fabrizio Saulini
Editore: Elliot
Anno di edizione: 2008

P.S. Regalatomi da Valentina, questo libro lo dedico (in ordine alfabetico) ad Erminia, Monia e Stefania, che stronze non sono, che hanno reso piacevole il mio lavoro con loro e che mi mancano moltissimo. Lo dedico anche, per motivi che lei comprenderà benissimo, a Zion, con un abbraccio.

8 commenti:

  1. Si, non ci sono dubbi!!! Lavoro con uno stronzo!!!
    Per fortuna ho la prospettiva di lasciare il lavoro appena sarò Naturopata. La strada sarà lunga ma almeno comincio il conto alla rovescia!!!
    Bacioni
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi ha ragione Viviana quando scrive che c'è il 100% di probabilità di lavorare con uno stronzo. Accidenti, non si scappa!

      Elimina
    2. Francesca, non posso far altro che accompagnarti, con tutti i miei migliori auguri, lungo questo conto alla rovescia.

      Elena, a volte vorrei tanto sbagliarmi!

      Elimina
  2. Grazie per la dedica! Constato soprattutto che si resta più nel cuore delle persone come "non-stronzi" che nella versione "stronzi", dei quali ci si dimentica facilmente appena si apprezza la differenza...

    "quella" Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che hai ragione: i "non-stronzi" stanno nel cuore, gli "stronzi" stanno sul culo!

      Elimina
    2. "Quella" Stefania, grazie infinite a te per il commento! Non sai che piacere mi faccia. Come dice Elena (il cui commento è molto calzante con la realtà), in quanto "non stronza" mi sei decisamente rimasta nel cuore. Un abbraccio!

      Elimina
  3. grazie per il suggerimento: mai come in questo periodo lavorativo ne ho bisogno, visto lo sfascio che sta attraversando il mio ufficio .......questione molto lunga e complessa, avvallata dai sindacati e questa è la parte, se vogliamo, più squallida, ma anche dolorosa.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuela, mi spiace che tu stia attraversando un brutto periodo dal punto di vista lavorativo. Ti consiglio davvero la lettura di questo libro, che, sebbene non faccia miracoli, fornisce almeno una visione "scientifica" della problematica e diversi mezzi per porvi rimedio.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...