mercoledì 3 dicembre 2008

La doccia


Non c'è niente di meglio, davvero. Dopo una giornata di lavoro stressante, al termine di un allenamento bello "tosto", nulla ti rimette al mondo come una bella doccia!

Con la ripresa dell'anno scolastico è ripresa anche l'attività delle Scuole di T'Ien Shu, come avete già avuto modo di leggere, ed io, bella carica, mi sto dando un gran daffare: da un lato, ci sarebbe il desiderio di riuscire a raggiungere il grado di fascia nera prima del matrimonio; dall'altro, c'è la mia solita "fissa-da-Monica" (avete presente la serie "Friends"? Ecco, quella Monica lì) che mi spinge a fare sempre il meglio, a dare sempre il massimo, a cercare di raggiungere il... 110% in ogni cosa che faccio; dall'altro lato ancora (eh, sì, ci sono un sacco di lati qui!) c'è la voglia di riacquistare nel più breve tempo possibile la piena funzionalità del braccio; da un altro lato (vi assicuro, questo è l'ultimo!), c'è il bisogno di sfogarsi dopo il lavoro, che in questo periodo mi sta portando sull'orlo di una crisi di nervi... Insomma, quando esco dal tatami ci sono soltanto due cose che voglio e la prima delle due è senz'altro quella di infilarmi sotto il getto di una bella doccia calda!

Nata ufficialmente nel 1872 in Francia, la doccia ha poi avuto vastissima diffusione in tutto il pianeta, finendo anche nella storia della cinematografia mondiale (qualcuno non ricorda la scena di "Psyco" di Alfred Hitchcock?). Ma quello che più conta è che, sebbene sia diventata una diva inclusa nella cinematografia mondiale, quando rincaso lei è lì, pronta a rigenerarmi coi suoi caldi e rinfrancanti getti d'acqua.

Ed è pure ecologica! Rispetto alla vasca da bagno, infatti, con la doccia si consuma molta meno acqua. Se poi si chiudessero anche i rubinetti mentre ci si insapona sarebbe l'ideale...

5 commenti:

  1. In effetti quando la doccia ha la tendina (anziche' l'ottimo vetro o surrogato) quello che torna alla mente e' proprio Psyco!
    Sempre, sempre doccia, piu' pratica piu' veloce e in fondo ci si rilassa.
    E mentre ci si insapona non serve tenerla accesa.
    Una curiosita': ma perche' pensi che ti serva la cintura nera per sposarti? :-))

    RispondiElimina
  2. Concordo con te e con Suby, la doccia è decisamente più comoda.
    Tranne quando qualche gentilissimo membro della famiglia non decide di azionare senza preavviso lo sciacquone, trasformando così il piacevole getto d'acqua sotto il quale ti stavi rilassando beata in una pioggia di acqua bollente.
    Poi altro che le urla di Psyco... :D

    RispondiElimina
  3. sarai presente a san donà di piave?

    RispondiElimina
  4. E si si alla fine di un allenamento niente è meglio di una buona doccia...e magari se sistemassero qle del nostro spogliatoio nn sarebbe male...

    RispondiElimina
  5. * Sub, ma và! Mica penso che mi serva la fascia nera per sposarmi! E' solo che avevo promesso al Maestro che avrei fatto del mio meglio per conseguire quel grado prima del matrimonio, tutto qui!

    * Ross, sei sempre uno spasso! Mi pare di vederti mentre urli, venendo improvvisamente lessata... :-D

    * Suppaman, no, non avrò modo di andare a San Donà di Piave. Ultimamente i miei fine settimana son impegnati a pulir casa... altro che allenamento, quello! :-)

    * Giu, ciao! Ben arrivata!
    Non sarebbe male no, anche perchè dover aspettare di arrivare fino a casa ogni volta è una tortura, specie con questo freddo cane! A presto e grazie della visita!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...